Video

Lo "Zibaldone" di Leopardi: struttura dell'opera e teoria della "doppia vista"

Introduzione allo Zibaldone di pensieri di Giacomo Leopardi, lettura e commento di un passo scelto, a cura di Andrea Cortellessa.
 
Viene presentata la struttura dell'opera e vengono evidenziate le riflessioni letterario-filosofiche di Leopardi che sembrano anticipare quelle dei filosofi del Novecento. Lo Zibaldone dice Cortellessa, "è un grande edificio incompiuto, che proprio nella sua incompiutezza mostra il suo carattere moderno". Qui si presenta la lettura e il commento della pagina dello Zibaldone sulla "Doppia vista", scritta nel 1828: in poche righe vengono condensati la linea di lavoro di Leopardi poeta, la sua intuizione del compito del poeta e la specificità della sua visione della letteratura e dell'esistenza. In questo brano Leopardi sembra contraddire la sua concezione materialistica e il suo sensismo, dal momento che afferma l'esistenza di oggetti astratti molto più evocativi e importanti di quelli reali per l'immaginario del poeta. Sono gli oggetti e i luoghi dell'immaginazione. Tuttavia Leopardi non sta evocando un'astrazione o una fuga dalla realtà, ma una "doppia vista", come la definisce lui stesso, che è qualcosa che si basa sulla realtà e che si fonda sull'esperienza sensibile ma che permette, proprio per le sue fondamenta empiriche, uno sguardo che supera il reale. Questa teoria dell'immaginazione evidenzia l'essenza stessa del poeta: questa doppia natura, questa "doppia vista", fisica e metafisica.
 
Andrea Cortellessa è un critico letterario italiano, storico della letteratura e professore associato all'Università Roma Tre, dove insegna Letteratura Italiana Contemporanea e Letterature Comparate. Collabora con diverse riviste e quotidiani tra cui alfabeta2, il manifesto e La Stampa-Tuttolibri.

Domande
Hai dubbi? Fai una domanda!
Relatori

Andrea Cortellessa

Professore Universitario

Università di Roma Tre

Cerca tra migliaia di lezioni, corsi ed esercizi, quello che fa per te!
categorie
corsi
video
testi
esercizi
domande
definizioni